Tesla, nuova trimestrale record: ecco cosa è accaduto alla società di Elon Musk

Tesla ha pubblicato i risultati del terzo trimestre: dopo la loro pubblicazioni, i titoli della compagnia sono scesi dell’1,5% dopo ore, nonostante l’utile per azione rettificato sia stato pari a 1,86 dollari contro 1,59 dollari previsti da Refinitiv, mentre il fatturato è stato di 13,76 miliardi di dollari vs 13,63 miliardi di dollari attesi per Refinitiv. La società ha riportato 1,62 miliardi di dollari di utile netto (GAAP) per il trimestre, rappresentando così la seconda volta che ha superato 1 miliardo di dollari. Nel trimestre dell’anno scorso, il reddito netto era di 331 milioni di dollari.

I risultati record sono stati condotti da un miglioramento dei margini lordi del 30,5% sul suo business automobilistico e del 26,6% in generale, entrambi record negli ultimi cinque trimestri. Le entrate automobilistiche sono salite a 12,06 miliardi di dollari e i costi delle entrate automobilistiche sono stati pari a 8,38 miliardi di dollari per il trimestre.

Tesla ha anche generato 806 milioni di dollari di entrate dal suo business dell’energia, che combina prodotti solari e di stoccaggio dell’energia, e 894 milioni di dollari in servizi e altre entrate, che comprendono la manutenzione e le riparazioni dei veicoli, l’assicurazione auto e le vendite di merce a marchio Tesla, tra le altre cose, Tesla ha rivelato in passato nei documenti finanziari.

Per la sua attività di energia e stoccaggio, i costi delle entrate sono saliti al numero più alto degli ultimi cinque trimestri a 803 milioni di dollari durante il terzo trimestre. Ancora, Tesla ha comunicato di aver registrato una svalutazione di 51 milioni di dollari relativa al suo investimento in bitcoin, che ha riportato come spese di “ristrutturazione e altro”.

Tesla aveva precedentemente rivelato consegne di 241.300 veicoli elettrici e una produzione di 237.823 veicoli durante il periodo che termina il 30 settembre 2021.

A differenza di altre case automobilistiche, le vendite di Tesla sono aumentate durante il trimestre, stabilendo un nuovo record aziendale, nonostante le carenze di chip e le sfide della catena di approvvigionamento che pesano sul settore.

Molte altre case automobilistiche hanno riportato profitti record durante la carenza di chip per semiconduttori a causa della resiliente domanda dei consumatori, ma non sono state in grado di produrre vendite migliori a causa dei vincoli dei fornitori. Tesla ha anche detto nel mazzo che per tutti i suoi veicoli di gamma standard, “passerà alla chimica della batteria Litio Ferro Fosfato (LFP) a livello globale”.

In precedenza, Tesla usava celle di batterie agli ioni di litio con un catodo di nichel nei suoi veicoli di gamma standard fatti per i clienti in Nord America. Poiché il ferro è più abbondante delle materie prime utilizzate in altre celle per batterie agli ioni di litio, come il nichel e il cobalto, le batterie LFP sono generalmente più convenienti da produrre.

 

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi