Tapering Fed, cos’è e quando inizia

La Federal Reserve ha annunciato che presto inizierà a ridurre il ritmo dei suoi acquisti mensili di obbligazioni, il primo passo verso il ritiro della massiccia quantità di sostegno monetario che aveva fornito ai mercati e all’economia locale.

La riduzione degli acquisti di obbligazioni inizierà “più tardi questo mese“, ha detto il Federal Open Market Committee nella sua dichiarazione post-riunione. Il processo vedrà riduzioni di 15 miliardi di dollari ogni mese – 10 miliardi di dollari in Treasury e 5 miliardi di dollari in titoli garantiti da ipoteca – dagli attuali 120 miliardi di dollari al mese che la Fed acquista.

Il comitato ha detto che la mossa è venuta “alla luce dei sostanziali ulteriori progressi che l’economia ha fatto verso gli obiettivi del comitato dallo scorso dicembre”.

La Fed lascia i tassi invariati, ma inizierà il taper questo mese

La dichiarazione, approvata all’unanimità, ha sottolineato che la Fed non è su un percorso prestabilito e farà aggiustamenti al processo se necessario.

Il comitato giudica che riduzioni simili nel ritmo degli acquisti netti di attività saranno probabilmente appropriate ogni mese, ma è pronto a regolare il ritmo degli acquisti se giustificato dai cambiamenti nelle prospettive economiche“, ha detto in una nota. In ogni caso, la mossa era in linea con le aspettative del mercato dopo una serie di segnali della Fed che avrebbe iniziato a ridurre un programma che ha accelerato nel marzo 2020 come risposta alla pandemia di Covid.

I mercati hanno reagito positivamente, con le azioni in positivo e i rendimenti dei titoli di stato in aumento.

Insieme alla mossa del taper, la Fed ha anche alterato solo leggermente il suo punto di vista sull’inflazione, riconoscendo che gli aumenti dei prezzi sono stati più rapidi e duraturi di quanto i banchieri centrali avessero previsto, ma senza rinunciare all’uso della controversa parola “transitorio”.

Powell: Non credo che siamo dietro la curva

“L’inflazione è elevata, in gran parte riflettendo fattori che si prevede siano transitori”, ha detto la dichiarazione. “Gli squilibri della domanda e dell’offerta legati alla pandemia e alla riapertura dell’economia hanno contribuito ad aumenti considerevoli dei prezzi in alcuni settori”.

Molti partecipanti al mercato si aspettavano che la Fed lasciasse cadere il linguaggio transitorio alla luce dei persistenti aumenti dell’inflazione.

“La Fed ha svelato il suo taper del QE oggi, come ampiamente previsto, ma sta ancora insistendo sul fatto che l’impennata dell’inflazione è ‘in gran parte’ transitoria, il che suggerisce che le colombe hanno ancora il sopravvento“, ha scritto Paul Ashworth, capo economista statunitense di Capital Economics.

“La nostra aspettativa di base è che i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento e le carenze persisteranno fino al prossimo anno e l’inflazione elevata pure”, ha detto. “Quando la pandemia si placherà, le strozzature della catena di approvvigionamento si ridurranno e la crescita salirà, e quando ciò accadrà l’inflazione diminuirà dai livelli elevati di oggi”.

“Ci si aspetta che i progressi sulle vaccinazioni e l’allentamento dei vincoli dell’offerta sostengano i continui guadagni nell’attività economica e nell’occupazione, così come una riduzione dell’inflazione“, ha scritto ancora il comitato.

I tassi

Ricordiamo infine che, come era previsto, il FOMC ha votato per non aumentare i tassi di interesse dal loro ancoraggio vicino allo zero, una mossa attesa anche dal mercato.

Il legame tra i tassi di interesse e il tapering è vitale, e la dichiarazione ha sottolineato che gli investitori non dovrebbero vedere la riduzione degli acquisti come un segnale che i rialzi dei tassi sono imminenti.

Non pensiamo che sia ancora il momento di alzare i tassi di interesse”, ha detto Powell. “C’è ancora terreno da coprire” prima che la Fed raggiunga i suoi obiettivi economici. Ha aggiunto che vuole vedere il mercato del lavoro “guarire ulteriormente, e abbiamo ottime ragioni per pensare che ciò accadrà quando la variante delta diminuirà, cosa che sta facendo ora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi