La ricetta del FMI per garantire stabilità economica

coin-1080535_960_720Il Fondo Monetario Internazionale ha diramato una serie di linee guida che potrebbero consentire ai Paesi di mantenere una migliore stabilità economica di sistema. Linee guida che non sono certamente una ventata di novità, ma che contribuiscono comunque a focalizzare l’attenzione su alcuni temi di particolare rilevanza, a cominciare dalle mosse da porre in essere per poter rispondere alle difficoltà economiche e finanziarie, e per poter concretamente cercare di risolvere le cause alla radice. Il primo passo per far ciò, afferma il direttore generale del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde, è quello di garantire liquidità e ristabilire la stabilità nel sistema bancario, sottolineando che bisogna comunque essere certi di identificare i rischi, al fine di agire in maniera propositiva e ridurre i pregiudizi.

Per questo motivo, ha poi proseguito Lagarde, è necessario porre in essere un maggiore sforzo congiunto per cercare di accelerare l’eliminazione delle sofferenze bancarie, che hanno frenato la crescita in molti Paesi dell’eurozona. Per il numero 1 del Fondo monetario internazionale, in aggiunta a ciò occorre gestire gli squilibri di natura fiscale in maniera “credibile” e, oltre tutto, applicare delle riforme strutturali urgenti, per liberare delle risorse produttive, e utilizzare delle politiche macroeconomiche per poter sostenere le famiglie e le aziende nel migliore dei modi. Infine, Lagarde ha ricordato che in Europa bisogna incrementare il potenziale di crescita, aprendo le strutture economiche per incoraggiare la concorrenza e gli investimenti in nuove idee produttive, e stimolare la nascita di un mercato “vibrante” dei servizi di natura digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi