Investimenti bancari, cosa fare con le azioni di Banca Etruria?

bancaetruriaSalita agli onori (ben poco invidiabili) delle cronache nazionali, la Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, (Banca Etruria), è un istituto di credito con sede ad Arezzo, recentemente interessato da un decreto del governo che ha di fatto anticipato il “bail-in”, con la conseguenza di mandare formalmente in fumo parte dei risparmi investiti nell’istituto bancario.

La crisi della Banca è comunque più remota: già nel febbraio dello scorso anno, il ministero dell’Economia e delle Finanze aveva posto Banca Etruria in amministrazione straordinaria, sciogliendo gli organi con funzione di amministrazione e controllo. Come da norma, in seguito a tale procedura le azioni sono state sospese a tempo indeterminato dalle negoziazioni su Borsa Italiana.

Più recentemente, il governo ha poi varato un piano di salvataggio che ha riguardato Banca Etruria (e non solo), e che ha previsto la realizzazione di nuove banche, risanate, che sorgessero dalle ceneri delle vecchie, e in cui trasferire i conti correnti, i conti di deposito e le obbligazioni ordinarie delle “vecchie” banche. Di contro, i crediti deteriorati, le obbligazioni subordinate e le azioni sono confluite nella “bad-bank”.

Ne è altresì conseguito che il valore delle azioni e delle obbligazioni subordinate è stato azzerato. Dunque, chi possiede in mano un titolo azionario o obbligazionario subordinato, non ha praticamente alcun controvalore all’attivo. Tuttavia, non bisogna disperarsi eccessivamente: considerata la portata nazionale della vicenda, si sono già preannunciati sviluppi che si dipaneranno nei prossimi mesi: le principali associazioni dei consumatori hanno ad esempio già predisposto numerose iniziative per valutare le possibili azioni legali nei confronti degli istituti, degli organi di vigilanza e delle società di revisione, nonché a proposito dell’incostituzionalità del provvedimento legislativo.

Quel che possono fare i risparmiatori è dunque interessarsi in tal senso, nella consapevolezza che qualche novità potrebbe sorgere in via di decreto governativo, che sarà ben difficile riottenere l’intero importo investito, e che gli obbligazionisti subordinati saranno eventualmente soddisfatti prima degli azionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi