Cosa sono i futures e come funzionano

I futures sono un investimento sul cambiamento di valore di un asset. Con un contratto futures, l’investitore accetta di acquistare o vendere un’attività a un prezzo prestabilito a una data prestabilita, in maniera vincolante. Storicamente i futures hanno trattato materie prime come il petrolio greggio, l’oro o altri beni materiali. I moderni contratti futures, tuttavia, sono praticamente in grado di coprire qualsiasi asset negoziabile, incluse azioni, obbligazioni e valute criptate.

Si tenga anche conto che il tradizionale contratto futures è un contratto che prevede la consegna fisica. Se dunque si assume una posizione in futures sul petrolio greggio e non vendete né chiudete il contratto, alla data di scadenza possedete migliaia di barili di petrolio in un magazzino. Mentre molti trader si affidano ancora a questo aspetto del mercato dei futures, la crescita delle materie prime come veicolo finanziario ha visto i contratti diversificarsi anche in transazioni interamente in contanti.

La struttura di un contratto a termine comporta la presenza di alcuni elementi come:

  • posizione long o short: il contratto future specifica o che acquisterete l’attività, ovvero prendendo una “posizione long”, o che venderete l’attività, assumendo una “posizione short”. In un contratto di posizione lunga, l’altra parte si impegna ad acquistare e poi a vendervi l’attività. In un contratto con posizione corta, l’utente accetta di acquistare e poi vendere all’altra parte l’attività:
  • strike price: è il prezzo al quale acquisterete il bene o il prezzo per il quale lo venderete;
  • data di scadenza: la data in cui questa operazione futura avrà luogo (da cui il termine “contratto a termine”);
  • asset e quantità: il bene che stai negoziando e quanto di esso comprerai o venderai. A seconda della natura dell’asset, questa sezione potrebbe anche specificare la qualità, il grado o altri dettagli;
  • liquidazione fisica o in contanti: un regolamento fisico comporta l’effettiva consegna del bene. Alla data di scadenza, a meno che non si cessi il contratto, si riceverà il bene o ci si aspetta che lo si acquisti e lo si venda. Un regolamento in contanti (o finanziario) non prevede la consegna fisica. Specifica invece che alla scadenza le parti si scambieranno il valore in contanti del contratto.

Valore di un contratto a termine

Il valore di un contratto future è nella differenza tra il prezzo di negoziazione di una merce e il suo prezzo d’esercizio alla data di scadenza. Un trader long vuole che il bene aumenti di valore entro la data di scadenza in modo da poterlo acquistare a un prezzo inferiore al suo valore. Un trader corto vuole che l’asset diminuisca di valore in modo da poterlo vendere a un prezzo superiore al suo valore. Un’operazione di successo, in cui il vostro contratto è redditizio, si chiama “in the money”. Uno in cui il contratto non è redditizio si chiama “out of the money”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi